Come il 3D accelera il processo di design creativo - TheRender

Come il 3D accelera il processo di design creativo

Come il 3D accelera il processo di design creativo per l’abbigliamento sportivo e l’e-commerce: questo è il titolo che il team di Substance by Adobe ha dato alla mia intervista pubblicata il 20 aprile sul loro magazine. Più che un’intervista su di me è un articolo che parla di TheRender e delle tante cose che in pochi mesi sono riuscito a creare con il 3D.

Link all’intervista

Significa che tutte le mie previsioni vengono confermate in qualche modo dagli esperti del settore. Il 3D e i materiali virtuali sono già presenti e a mio avviso è sbagliato continuare a parlare di futuro.

Anch’io nel 2018 non ne ho colto da subito i vantaggi. So che toccare con mano i campioni o sentire il tessuto sulla pelle sono delle esperienze importanti nella creazione di una collezione. Però tutti sappiamo anche che per arrivare a quello stadio c’è un lungo processo di taglio e cucitura, di sdifettamenti e correzioni, che con il 3D viene portato alla massima efficacia.

Le aziende che vogliono (“devono”, secondo me) implementare la tecnologia 3D per la modellazione, progettazione e creazione di prototipi digitali, possono già farlo con costi davvero abbordabili. Serve però il know-how. Io dedico moltissime ore allo studio e all’esercitazione pratica per cercare di migliorare sempre.

Questo check point del 20 aprile con l’articolo sul Substance magazine è molto importante per me. È il riassunto di pochi mesi di lavoro. Nel frattempo ho creato centinaia di immagini per lo store irlandese Gaelic Armour, iniziato una collaborazione con l’azienda israeliana Virtuality.fashion e con la casa produttrice spagnola KYX.

Confrontarmi con Pierre Maheut e con Pierre Bosset di Substance by Adobe è stato davvero incredibile. Ora devo lavorare ancora più motivato e più creativo, il mondo in 3D è tutto davanti a me. Se vuoi collaborare con me e intraprendere insieme questo percorso, trovi i miei contatti qui sotto.

Blog autore: Johnnie 14 Mag 2021

Prossimo passo? Sentiamoci!

È ora di cambiare

Dopo aver usato Substance ho deciso di cambiare lavoro per avviare un’attività che ha come protagonisti i materiali digitali.

Come iniziare con CLO

Avere l’hardware minimo necessario è la cosa più importante per iniziare con CLO3D. Il software, infatti, ha delle richieste particolari.

Ethnic Bucket Hat

Ho scaricato il PDF Free da una sito Giapponese e poi ho creato la mia versione in Adobe Illustrator. Non avrei mai pensato di trovarne di simili.

La nuova Via della seta

L’importanza del 3D Fabrics, ovvero l’arte di emulare tessuti e materiali rendendoli disponibili in ambiente digitale: i Tessuti Digitali.